Sindrome da iperstimolazione ovarica (2023)

Panoramica

La sindrome da iperstimolazione ovarica è una risposta esagerata agli ormoni in eccesso. Questa sindrome di solito si verifica nelle donne che assumono farmaci ormonali iniettabili per stimolare lo sviluppo delle uova nelle ovaie. La sindrome da iperstimolazione ovarica fa sì che le ovaie si gonfino e diventino dolorose.

La sindrome da iperstimolazione ovarica può verificarsi nelle donne sottoposte a fecondazione in vitro o induzione dell’ovulazione con farmaci iniettabili. Meno spesso, la sindrome da iperstimolazione ovarica si verifica durante i trattamenti per la fertilità che utilizzano farmaci assunti per via orale, come il clomifene.

Il trattamento dipende dalla gravità della condizione. La sindrome da iperstimolazione ovarica può migliorare da sola nei casi lievi, mentre i casi gravi possono richiedere il ricovero in ospedale e un trattamento aggiuntivo.

Sindrome da iperstimolazione ovarica (1)

Sintomi della sindrome da iperstimolazione ovarica

I sintomi della sindrome da iperstimolazione ovarica spesso iniziano entro una settimana dall’uso di farmaci iniettabili per stimolare l’ovulazione, anche se a volte possono essere necessarie due settimane o più prima che compaiano i sintomi. I sintomi possono variare da lievi a gravi e possono peggiorare o migliorare nel tempo.

Sindrome da iperstimolazione ovarica da lieve a moderata

Con la sindrome da iperstimolazione ovarica da lieve a moderata, i sintomi possono includere:

  • Dolore addominale da lieve a moderato
  • Gonfiore addominale o aumento del girovita
  • Nausea
  • Vomito
  • Diarrea
  • Dolore nella zona delle ovaie

Alcune donne che usano farmaci per la fertilità iniettabili hanno una forma lieve di sindrome da iperstimolazione ovarica. La sindrome di solito scompare dopo circa una settimana. Ma, se si verifica una gravidanza, i sintomi della sindrome da iperstimolazione ovarica possono peggiorare e durare da diversi giorni a settimane.

Sindrome da iperstimolazione ovarica grave

Con la sindrome da iperstimolazione ovarica grave, i sintomi includono:

  • Rapido aumento di peso: più di 1 chilogrammo in 24 ore
  • Forte dolore addominale
  • Nausea e vomito gravi e persistenti
  • Coaguli di sangue
  • Diminuzione della minzione
  • Fiato corto
  • Addome stretto o ingrossato

Quando hai bisogno di vedere un dottore?

Se ti stai sottoponendo a trattamenti per la fertilità e manifesti i sintomi della sindrome da iperstimolazione ovarica, informi il medico. Anche se hai un caso lieve di sindrome da iperstimolazione ovarica, il tuo medico vorrà osservarti per un improvviso aumento di peso o un peggioramento dei sintomi.

Contatti immediatamente il medico se sviluppa problemi respiratori o dolore alle gambe durante il trattamento per la fertilità. Questi problemi possono indicare una situazione urgente che richiede cure mediche tempestive.

Cause della sindrome da iperstimolazione ovarica

La causa della sindrome da iperstimolazione ovarica non è completamente compresa. Avere un alto livello di gonadotropina corionica umana – un ormone solitamente prodotto durante la gravidanza – introdotto nel tuo sistema gioca un ruolo. I vasi sanguigni ovarici reagiscono in modo anomalo alla gonadotropina corionica umana e iniziano a perdere liquido. Questo fluido gonfia le ovaie e talvolta grandi quantità si spostano nell’addome.

Durante i trattamenti per la fertilità, la gonadotropina corionica umana può essere somministrata come “trigger” in modo che un follicolo maturo rilasci il suo uovo. La sindrome da iperstimolazione ovarica di solito si verifica entro una settimana dopo aver ricevuto un’iniezione di gonadotropina corionica umana. Se rimani incinta durante un ciclo di trattamento, la sindrome da iperstimolazione ovarica può peggiorare quando il tuo corpo inizia a produrre la propria gonadotropina corionica umana in risposta alla gravidanza.

I farmaci per la fertilità iniettabili hanno maggiori probabilità di causare la sindrome da iperstimolazione ovarica rispetto al trattamento con clomifene, un farmaco somministrato sotto forma di pillola da assumere per via orale. Occasionalmente la sindrome da iperstimolazione ovarica si verifica spontaneamente, non correlata ai trattamenti per la fertilità.

Fattori di rischio

A volte, la sindrome da iperstimolazione ovarica si verifica nelle donne senza alcun fattore di rischio. Ma i fattori noti per aumentare il rischio di sindrome da iperstimolazione ovarica includono:

  • Sindrome dell’ovaio policistico – un disturbo riproduttivo comune che causa periodi mestruali irregolari, crescita eccessiva dei peli e aspetto insolito delle ovaie all’esame ecografico
  • Gran numero di follicoli
  • Età inferiore a 35 anni
  • Basso peso corporeo
  • Livello alto o in forte aumento di estradiolo (estrogeno) prima di un’iniezione di gonadotropina corionica umana
  • Precedenti episodi di sindrome da iperstimolazione ovarica

Complicanze della sindrome da iperstimolazione ovarica

La sindrome da iperstimolazione ovarica grave è rara, ma può essere pericolosa per la vita. Le complicazioni possono includere:

  • Raccolta di liquidi nell’addome e talvolta nel torace
  • Disturbi elettrolitici (sodio, potassio)
  • Coaguli di sangue in grandi vasi, di solito nelle gambe
  • Insufficienza renale
  • Torsione ovarica
  • Rottura di una cisti in un’ovaia, che può portare a gravi emorragie
  • Problemi respiratori
  • Perdita di gravidanza per aborto spontaneo o interruzione a causa di complicazioni
  • Morte (raramente)

Prevenzione della sindrome da iperstimolazione ovarica

Per ridurre le possibilità di sviluppare la sindrome da iperstimolazione ovarica, avrai bisogno di un piano personalizzato per i tuoi farmaci per la fertilità. Aspettatevi che il vostro medico monitori attentamente ogni ciclo di trattamento, inclusi frequenti ultrasuoni per controllare lo sviluppo dei follicoli e esami del sangue per controllare i livelli ormonali.

Le strategie per aiutare a prevenire la sindrome da iperstimolazione ovarica includono:

  • Regolazione del farmaco. Il medico utilizza la dose più bassa possibile di gonadotropine per stimolare le ovaie e innescare l’ovulazione.
  • Aggiunta di farmaci. Alcuni farmaci sembrano ridurre il rischio di sindrome da iperstimolazione ovarica senza influire sulle probabilità di gravidanza. Questi farmaci includono l’aspirina a basso dosaggio; agonisti della dopamina come carbergolina o chinogloide; e infusi di calcio. Dare alle donne che hanno la sindrome dell’ovaio policistico il farmaco metformina (Glumetza) durante la stimolazione ovarica può aiutare a prevenire l’iperstimolazione.
  • Se il tuo livello di estrogeni è alto o hai un gran numero di follicoli sviluppati, il medico potrebbe farti interrompere i farmaci iniettabili e attendere alcuni giorni prima di somministrare la gonadotropina corionica umana, che innesca l’ovulazione.
  • Evitare l’uso di un’iniezione di gonadotropina corionica umana. Poiché la sindrome da iperstimolazione ovarica si sviluppa spesso dopo che è stata somministrata un’iniezione di gonadotropina corionica umana, sono state sviluppate alternative alla gonadotropina corionica umana per l’attivazione utilizzando agonisti del Gn-RH, come il leuprolide (Lupron), come un modo per prevenire o limitare la sindrome da iperstimolazione ovarica.
  • Congelamento degli embrioni. Se ti stai sottoponendo a fecondazione in vitro, tutti i follicoli (maturi e immaturi) possono essere rimossi dalle ovaie per ridurre il rischio di sindrome da iperstimolazione ovarica. I follicoli maturi vengono fecondati e congelati e le ovaie possono riposare. Puoi riprendere il processo di fecondazione in vitro in un secondo momento, quando il tuo corpo è pronto.

Diagnosi della sindrome da iperstimolazione ovarica

Per la sindrome da iperstimolazione ovarica, il medico può formulare una diagnosi basata su:

  • Un esame fisico. Il medico cercherà qualsiasi aumento di peso, aumento del girovita e dolore addominale che potresti avere.
  • Un’ecografia. Se hai la sindrome da iperstimolazione ovarica, un’ecografia può mostrare che le tue ovaie sono più grandi del normale, con grandi cisti piene di liquido dove si sono sviluppati i follicoli. Durante il trattamento con farmaci per la fertilità, il medico valuta regolarmente le ovaie con un’ecografia vaginale.
  • Un esame del sangue. Alcuni esami del sangue consentono al medico di verificare la presenza di anomalie nel sangue e se la funzionalità renale è compromessa a causa della sindrome da iperstimolazione ovarica.

Trattamento della sindrome da iperstimolazione ovarica

La sindrome da iperstimolazione ovarica generalmente si risolve da sola entro una o due settimane o un po’ di più se sei incinta. Il trattamento ha lo scopo di mantenerti a tuo agio, diminuire l’attività ovarica ed evitare complicazioni.

Trattamento della sindrome da iperstimolazione ovarica da lieve a moderata

La sindrome da iperstimolazione ovarica lieve si risolve tipicamente da sola. Il trattamento per la sindrome da iperstimolazione ovarica moderata può comportare:

  • Maggiore assunzione di liquidi
  • Frequenti esami fisici ed ecografie
  • Pese quotidiane e misurazioni della vita per verificare cambiamenti drastici
  • Misurazioni di quanta urina produci ogni giorno
  • Esami del sangue per monitorare la disidratazione, lo squilibrio elettrolitico e altri problemi
  • Drenaggio del liquido addominale in eccesso mediante un ago inserito nella cavità addominale
  • Farmaci per prevenire la formazione di coaguli di sangue (anticoagulanti)

Sindrome da iperstimolazione ovarica grave

Con la sindrome da iperstimolazione ovarica grave, potrebbe essere necessario essere ricoverati in ospedale per il monitoraggio e il trattamento aggressivo, compresi i liquidi per via endovenosa. Il medico può darti un farmaco chiamato cabergolina per ridurre i sintomi. A volte, il medico può anche prescriverti altri farmaci, come l’antagonista dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (Gn-RH) o il letrozolo (Femara), per aiutare a sopprimere l’attività ovarica.

Complicanze gravi possono richiedere trattamenti aggiuntivi, come un intervento chirurgico per una cisti ovarica rotta o terapia intensiva per complicanze epatiche o polmonari. Potresti anche aver bisogno di farmaci anticoagulanti per ridurre il rischio di coaguli di sangue nelle gambe.

Cura a casa

Se sviluppi una lieve sindrome da iperstimolazione ovarica, probabilmente sarai in grado di continuare la tua routine quotidiana. Segui i consigli del tuo medico, che possono includere queste raccomandazioni:

  • Prova un antidolorifico da banco come il paracetamolo (Tylenol) per il disagio addominale, ma evita l’ibuprofene (Advil, Motrin IB) o il naprossene sodico (Aleve) se hai avuto di recente un trasferimento di embrioni, poiché questi farmaci possono interferire con l’impianto di l’embrione.
  • Evita i rapporti sessuali, perché potrebbero essere dolorosi e causare la rottura di una ciste ovarica.
  • Mantenere un livello di attività fisica leggero, evitando attività faticose o ad alto impatto.
  • Pesati sulla stessa bilancia e misura intorno all’addome ogni giorno, segnalando aumenti insoliti al tuo medico.
  • Chiama il tuo medico se i tuoi segni e sintomi peggiorano.

Preparazione per un appuntamento con un medico

Se hai tempo, è una buona idea prepararsi in anticipo all’appuntamento con un medico.

Cosa puoi fare per prepararti

  • Annota tutti i sintomi che stai riscontrando. Includi tutti i tuoi sintomi, anche se non pensi che siano correlati.
  • Fai un elenco di tutti i farmaci e gli integratori vitaminici che prendi. Annota le dosi dei farmaci e la frequenza con cui li prendi.
  • Porta con te un familiare o un amico. Potresti ricevere molte informazioni e può essere difficile ricordare tutto.
  • Porta con te un taccuino. Usalo per annotare informazioni importanti durante l’appuntamento con il medico.
  • Prepara un elenco di domande da porre al medico.

Alcune domande fondamentali da porre includono:

  • Qual è la causa più probabile dei miei sintomi?
  • Di che tipo di test ho bisogno?
  • La sindrome da iperstimolazione ovarica di solito scompare da sola o avrò bisogno di cure?

Assicurati di aver compreso completamente tutto ciò che ti dice il medico. Non esitate a chiedere al vostro medico di ripetere le informazioni o di porre domande di follow-up per chiarimenti.

Cosa potrebbe chiederti il ​​medico

Il medico potrebbe farti queste domande:

  • Quando sono iniziati i tuoi sintomi?
  • Quanto sono gravi i tuoi sintomi?
  • C’è qualcosa che migliora i tuoi sintomi?
  • Qualcosa sembra peggiorare i sintomi?
Top Articles
Latest Posts
Article information

Author: Annamae Dooley

Last Updated: 01/04/2023

Views: 6057

Rating: 4.4 / 5 (65 voted)

Reviews: 88% of readers found this page helpful

Author information

Name: Annamae Dooley

Birthday: 2001-07-26

Address: 9687 Tambra Meadow, Bradleyhaven, TN 53219

Phone: +9316045904039

Job: Future Coordinator

Hobby: Archery, Couponing, Poi, Kite flying, Knitting, Rappelling, Baseball

Introduction: My name is Annamae Dooley, I am a witty, quaint, lovely, clever, rich, sparkling, powerful person who loves writing and wants to share my knowledge and understanding with you.